Vino e alimentazione, Gli italiani hanno imparato a bere bene

Qualcosa sembra essere cambiato nello stile alimentare degli italiani: siamo un popolo che ama il buon cibo, il buon vino ma sembriamo essere arrivati a una fase di grande controllo.  Secondo una ricerca Nielsen, voluta da Federvini, è emerso che siamo diventati responsabili e moderati nel consumare bevande alcoli, sia durante i pasti che negli orari dell’aperitivo. Grazie alla ricerca è infatti emerso, con non poca sorpresa, che negli ultimi 5 anni  è calato l’uso di bevande alcoliche del 5%, pari a 1,8 milioni, soprattutto per quanto riguarda l’assunzione di liquori, distillati e cocktail. Sandro Boscaini, presidente di Federvini, ha spiegato che siamo abituati a bere da 4 a 3,6 volte a settimana, dato inferiore rispetto a quanto registrato anni fa. Ma anche se è vero che le nostre abitudine sono migliorate, così come migliora il consumo, è altrettanto vero che siamo ancora i consumatori più virtuosi d’Europa.

Il dato incoraggiante però è legato al consumo di vino sempre e solo insieme al cibo e alla possibilità di mangiare. Il 61% del popolo italiano infatti ama bere un buon bicchiere di vino a tavola o durante un aperitivo con amici, dove vi è sempre la possibilità di assaggiare pietanze o stuzzichini gustosi. Del resto siamo un Paese che vive di grande tradizione vinicola che sicuramente va a condizionare il nostro rapporto diretto con la bottiglia. Fortunatamente però si sta abbandonando l’abuso di alcol, per spostarsi verso una buona e sana abitudine di controllo.

Secondo alcuni studiosi questa svolta sarebbe ottimale anche per un altro dato particolare: se si consuma il vino rosso è bene sapere che è ricco di resveratrolo, antiossidante che troviamo soprattutto nella buccia dell’uva e nel vino stesso. Questo ci permetterebbe di ottenere benefici nel contrastare una malattia neurodegenerativa come l’Alzheimer; parallelamente sono stati confermati anche i suoi effetti cardioprotettivi. Ha anche la capacità di rallentare l’invecchiamento e ha proprietà antinfiammatorie. Il resveratrolo e la sua forte presenza nel vino dipende dalle tecniche di coltura e dalla lavorazione dell’uva. Il suo contenuto sarà maggiore quanto più a lungo viene lasciato fermentare il vino. 

Attenzione però, non ti stiamo cerco dicendo di consumare vino in grandi quantità, ma di controllare il suo consumo in modo intelligente. Secondo Federvini gli italiani sono bevitori moderati poiché non vanno mai a superare la dose consigliata di 2 bicchieri al giorno per gli uomini e poco più di uno per le donne.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *